Cos'è il pH e come misurarlo?

I parametri dell'acqua nell'acquario svolgono un ruolo molto importante. Come puoi immaginare, ogni proprietario dell'acquario dovrebbe cercare di creare condizioni confortevoli e piacevoli per la vita dei suoi pesci. Ciò diventa possibile solo se il pH dell'acqua soddisfa i veri bisogni degli abitanti del corpo idrico.

Cos'è il pH?

Prima di creare condizioni confortevoli per i pesci, è necessario capire quale ph. Questa unità consente di misurare l'attività degli ioni idrogeno in qualsiasi sostanza e l'acidità è espressa quantitativamente.

Il termine è apparso in Europa, in Danimarca, all'inizio del 20 ° secolo. Il concetto iniziò a diffondersi attivamente grazie al chimico danese Soren Peter Lauritz Sorensen, nonostante il fatto che i suoi predecessori cercassero di considerare la domanda esistente dal giusto punto di vista. Il pH è attivamente utilizzato per semplicità e convenienza, poiché è un rapporto quantitativo di due tipi di ioni: H + - OH-. Le misurazioni vengono sempre eseguite su una scala di 14 punti.

È importante notare che l'acqua avrà una reazione alcalina se l'indicatore è maggiore di 7. Inoltre, la reazione acida fornisce un indicatore inferiore a 7. Allo stesso tempo, è consentito un parametro neutro dell'acqua nell'acquario con un rapporto uguale di H + e OH-. Se si nota un indicatore neutro, la cifra sarà 7.

Qualsiasi sostanza chimica che può essere dissolta in acqua cambia l'equilibrio tra H + e OH-ioni. L'acidità può variare su o giù:

  • l'acido porta ad un aumento degli ioni idrogeno;
  • gli alcali portano a una diminuzione della concentrazione di ioni idrossido.

Di conseguenza, il pH consente di determinare quale grado di acidità dell'acqua può essere. Sin dall'inizio, questa caratteristica è stata riconosciuta come una delle più importanti, poiché determina la presenza o l'assenza di equilibrio acido-base e le caratteristiche dei processi chimici e biologici. In ogni caso, il pH determina la salute delle persone, quindi non sorprende che anche i pesci, gli abitanti dell'acquario, dipendano da questo parametro.

Acqua dolce e dura

Gli scienziati notano che l'acqua può essere morbida e dura. Qual è la differenza?

Acqua dolce

Un pH basso è inferiore a sei e mezzo. In questo caso, l'acqua può essere morbida, ma allo stesso tempo è pericolosa.

Nella maggior parte dei casi, gli ioni dei seguenti metalli penetrano nella sua composizione:

  • manganese;
  • condurre;
  • di rame;
  • zinco.

Questi ioni di solito penetrano da un impianto idraulico di scarsa qualità, che indica il loro pericolo.

L'acqua a basso pH è inizialmente pericolosa. Si presume la seguente manifestazione della sua composizione indesiderata:

  • la presenza di vari metalli che sono tossici;
  • danno prematuro alle strutture metalliche;
  • la presenza di un retrogusto sgradevole, che consente di indovinare l'ombra acida;
  • biancheria da tintura;
  • l'aspetto di una tonalità blu-verde al lavandino e agli scarichi.

Non sorprende che l'acqua dolce sia pericolosa per gli abitanti di qualsiasi acquario. Per aumentare l'indicatore, di solito viene utilizzato il carbonato di sodio chimico, poiché consente di aumentare il contenuto di sodio nel più breve tempo possibile.

Acqua dura

In questo caso, il livello di pH supera gli otto e mezzo. Nonostante l'assenza di pericolo, compaiono problemi estetici. Che cosa sono

  • l'aspetto di un residuo spiacevole sulla superficie;
  • scala;
  • difficoltà nel funzionamento degli apparecchi elettrici;
  • alcalino, aspro sapore d'acqua.

Come puoi immaginare, l'acidità dell'acqua nell'acquario dovrebbe essere inferiore a otto punti e mezzo. L'opzione migliore è ammorbidire il liquido con il controllo obbligatorio dell'indicatore.

Determinazione del PH

Ogni proprietario dell'acquario deve sapere come determinare il pH attuale. Oggi vengono proposti vari metodi efficaci per questo, quindi il compito a portata di mano diventa comunque possibile per la sua attuazione.

Strisce reattive

Tali strisce reattive sono pezzi di cartina di tornasole che reagisce cambiando le prestazioni del colore a varie fluttuazioni del pH. Le strisce sono vendute nei negozi di animali domestici, poiché vengono spesso utilizzate per gli acquari. Ad oggi, è stato dimostrato che un indicatore acido o alcalino può portare alla morte di molti pesci. Si presume che il contatto con l'acqua possa portare a un cambiamento nelle prestazioni del colore delle strisce, con un errore che sarà minimo. Per scoprire la figura esatta, è necessario utilizzare istruzioni speciali che completano la scatola con pezzi di carta.

Rottinger

Un'altra opzione interessante è la cartina di tornasole di Rottinger. Questa cartina di tornasole è prodotta da una società tedesca e inizialmente dà un errore minimo. Il pacchetto contiene un indicatore, diviso in 14 trattini. Nella confezione puoi trovare 80 strisce che possono essere utilizzate a lungo. Le strisce di Rottinger consentono di misurare con successo l'acqua del ph. Il costo di produzione non supera i 250 - 350 rubli.

PHmetro

L'acidità del liquido può essere determinata dal pHmetro. In questo caso, 20-30 millilitri di acqua dovrebbero essere presi in una tazza di plastica o di vetro, e quindi una misurazione dovrebbe essere presa. Il sensore di controllo deve essere risciacquato con acqua distillata e quindi immerso nella soluzione desiderata. La scala dello strumento determina immediatamente il pH del liquido. Per scoprire le informazioni esatte e corrette, è necessario calibrare regolarmente il dispositivo. È importante notare che il pHmetro è costoso, ma allo stesso tempo il suo utilizzo consente di determinare facilmente e rapidamente le caratteristiche desiderate dell'acqua.

Come cambiare l'indicatore?

Quindi, ogni proprietario del pesce dovrebbe sapere come abbassare il ph nell'acquario o aumentare questo indicatore. In effetti, non si nota nulla di complicato.

Principi di riduzione

In questo caso, il compito principale è aumentare l'acidità. Per questo, è necessario utilizzare acidi:

  • fosforico;
  • solforico;
  • sale.

In questo caso, dovresti agire con estrema cautela, poiché un brusco cambiamento nel pH può portare alla morte dei pesci. Per un risultato positivo, utilizzare solo acidi diluiti.

Il modo più sicuro prevede l'uso di rimedi naturali:

  • infuso o decotto di torba;
  • infusi di coni di ontano.

L'opzione più semplice è l'uso di pH (meno) farmaci.

In ogni caso, è necessario agire con la massima cautela, poiché la vita e la salute del pesce dipendono da questo.

Principi di miglioramento

Saper abbassare il ph dell'acqua, è necessario conoscere i principi per aumentare il pH. È previsto l'uso di sali con una reazione alcalina.

Ad esempio, il bicarbonato di sodio è adatto. Una volta, puoi aggiungere mezzo cucchiaino per ogni 50 litri di acqua. Se ciò non bastasse, in un'ora puoi ripetere la procedura.

Un'altra opzione è l'uso del farmaco pH + (più).

Nuances importanti

La determinazione dell'acidità è un passo importante. Anche quando vengono prese misure per modificare il pH, è necessario agire con estrema cautela. Sarà sicuro modificare il parametro di non più di 0,2 unità entro un'ora.

Dopo aver raggiunto il parametro ottimale, è necessario il supporto per l'equilibrio biologico. Al momento, non è necessario abbassare o aumentare l'indicatore. Se si nota una deviazione indesiderata, è necessario eseguire un controllo speciale dei parametri. Se sei riuscito a scoprire che l'indicatore è cambiato in una direzione indesiderata, dovresti sostituire l'acqua con il 30% del volume. Allo stesso tempo, l'acqua fresca del ph cambierà solo se viene utilizzata l'acqua del rubinetto, che è stata lasciata riposare per 1 o 2 giorni.

Sapendo cos'è il ph e comprendendo quali possono essere i suoi effetti sugli abitanti dell'acquario, è meglio misurare regolarmente l'indicatore e, se necessario, correggerlo. La velocità di ph consigliata per i pesci nell'acquario è di circa 7 punti, che corrisponde a una reazione neutra.

Lascia Il Tuo Commento